servizi progetti costruire vigilanza federazioni

 

LA VIGILANZA DI CONFCOOPERATIVE BOLZANO

In base alla normativa tutte le società cooperative sono soggette, in ragione delle proprie specificità mutualistiche, a vigilanza biennale obbligatoria, esperita tramite le rispettive Centrali di rappresentanza (art. 45 Cost.; L.R. nr. 5/2008).

Tale istituto, differenziandosi in modo significativo rispetto ai normali istituti ispettivi a carico di enti, prevede azioni non solo di tipo “ispettivo” (regolarità formali, conduzione legale della società, accertamento del rispetto delle norme obbligatorie), ma anche, e soprattutto, azioni atte a fornire agli organi di direzione e di amministrazione suggerimenti e consigli per migliorarne la gestione, il perseguimento dello scopo mutualistico e la democrazia interna, e ancora assistenzasupportodiagnosi e possibili percorsi di risanamento/sviluppo/consolidamento, mediante una significativa interlocuzione con gli amministratori e i dirigenti della società.

L’attività di vigilanza pertanto è finalizzata, in definitiva, a favorire un consapevole rafforzamento delle cooperative, sotto i profili strutturale, economico, finanziario, manageriale, e commerciale.

Il tutto, ovviamente, nel rispetto di quel principio di “terzietà” che deve informare ogni azione di verifica.

Dopo un periodo di rilevazione e di analisi della funzione di vigilanza, Confcooperative ha avviato una nuova impostazione della funzione di vigilanza, improntata anche e soprattutto ad una diversa filosofia: si tratta di un nuovo sistema di diagnosi aziendale che verrà espletato in concomitanza con l’azione ispettiva vera e propria, diretto a fornire alla cooperativa nuovi e più significativi elementi per una più efficace azione di “aiuto” che spesso resta “nascosta” tra le pieghe della revisione.

Inoltre, dopo la revisione vera e propria, la cooperativa sarà soggetta ad una verifica "informale" a metà biennio, per valutare i progressi, le nuove azioni intraprese, la rimozione delle eventuali irregolarità riscontrate, dando seguito all’azione revisionale “ordinaria”.

I nostri revisori avranno pertanto modo di articolare nella modalità più consona alle caratteristiche e alle esigenze delle cooperative questa importante e delicata funzione, accompagnandola ad azioni concrete, quali il maggiore coinvolgimento della dirigenza delle società, la valorizzazione delle competenze aziendali, la ricerca di risposte concrete ad eventuali criticità che dovessero emergere.

CONTATTI
 
STATISTICHE